Immortale rock and roll

Tra immortalità ed evoluzione anche i casinò italiani

7 May 2019

I puristi del rock and roll non ameranno l’evoluzione alla quale il genere è dovuto andare incontro pur di sopravvivere, ma, del resto, non si tratta dell’unico settore, nel ramo dell’intrattenimento in senso lato, che ha dovuto fare i conti con i millennials.

Se il rock and roll sopravvive a gomitate, scalciando e urlando la sua esistenza, anche il settore dei casinò, italiani e non, racconta una storia simile. Una storia che affonda le sue radici ben oltre la nascita del rock and roll, e che ne ha visti di generi musicali, artisti, hits, fare la loro comparsa, influenzare generazioni e poi evolversi, mutare, a volte morire, altre migliorare.

Siamo nell’epoca di Spotify, l’era della rabbia “urlata” con una faccina su WhatsApp, delle rivolte digitali. Si può andare controcorrente, oppure mescolarsi alla folla, carpirne i segreti e iniziare a godere dei benefici di una società nuova, diversa.

I casinò italiani del futuro

Le case da gioco nascono nel XVII secolo in Italia, costituendo dapprima una prerogativa delle classi più agiate, almeno in questa forma del gioco d’azzardo. Con il tempo, con il migliorare della situazione economica e sociale nel Paese, la frequentazione dei casinò italiani diventa man mano più estesa, sebbene non possa collocarsi al pari di altre forme di intrattenimento. Si pensi al cinema. Non c’è paragone, vero? Riusciamo a pensare, nella nostra cerchia di conoscenze, almeno ad un paio di persone che vanno al cinema. Ma quanti frequentano il casino? E qual è la ragione di questa differenza? Qualcuno potrebbe attribuirla alla “mancanza di denaro”. Ovvia risposta, ma errata. I film che troviamo al cinema saranno presto trasmessi in tv o disponibili online, il che consente un certo risparmio, che in pochi considerano. Quindi, andiamo oltre l’ovvietà e cerchiamo di indagare più a fondo.

Forse la selezione di casinò italiani non è esattamente la più vasta in circolazione, e quindi frequentare il casino è più difficile. I casinò italiani possono infatti essere contati sulle dita di una mano. Risposta meno scontata.

Ma se vi dicessimo che in realtà il numero di casinò italiani è ben più vasto di quel che appare? In questo caso lo scenario cambierebbe completamente.

Abbiamo già anticipato che i casinò italiani sono dovuti andare incontro all’evoluzione a braccia aperte, e che questo ha comportato delle modifiche nella loro forma. Il casino e i suoi tavoli, come Blackjack, Roulette, Baccarat, sono ora online; e l’esperienza di gioco è davvero straordinaria. Si ha un croupier vero a disposizione, e l’interazione con questi e gli altri giocatori al tavolo avviene in chat. L’evoluzione della tecnologia consente un’esperienza di gioco sempre migliore, e i casinò italiani sono sempre tra i primi a far propria la migliore selezione di tavoli. Se invece sei più un tipo da sale slot, sappi che gli operatori di gioco italiani dedicano sezioni separate in cui trovare centinaia delle migliori video slot. Proprio come in un vero casino. Insomma, l’evoluzione dei casinò italiani è andata nella direzione giusta, sapendo attirare un pubblico sempre più vasto, soprattutto per la possibilità di giocare dal proprio smartphone ovunque ci si trovi.

I casinò italiani - La selezione di CasinoItaliani.it

I casinò italiani AAMS, quelli sicuri e legali nel nostro Paese, sono testati e recensiti da CasinoItaliani. A CasinoItaliani troverai quindi una selezione di casino online in cui poter provare l’esperienza del casino di oggi, insieme a notizie, guide ai giochi, video, ma anche una scelta di offerte e promozioni per giocare gratis. CasinoItaliani.it è la guida al divertimento del futuro!

Lo stato del rock in Italia

15 Apr 2019

Italia patria del rock? Solo per farsi notare dai Foo Fighters: la scena italiana non va bene. Tra Vasco e Ligabue, i nomi sono sempre gli stessi.

E chi guarda ai Måneskin come ai salvatori del genere non sa di cosa parla: il rock non abita più qui, e da tempo!

Greta Van Fleet: cover band o futuro del rock?

18 Mar 2019

Si chiamano Greta Van Fleet, vengono da Detroit e c'è chi li ritiene i salvatori del rock. I più critici però li stroncano come una brutta copia dei Led Zeppelin.

Lo stesso Robert Plant ha dichiarato: "Il cantante ha preso la voce da qualcuno che conosco molto bene!".